Blog News, curiosità ed approfondimenti
Press Venezia 75 | 12 settembre 2018

Lady Gaga? Una burratina. George Clooney? Tranquillo come la salicornia. A escogitare accostamenti tanto inusuali e fantasiosi tra celebrity e food è Tino Vettorello, chef trevigiano che da 11 anni delizia la Mostra del Cinema di Venezia e i suoi partecipanti.

Alle star, prima o dopo il red carpet, Tino Vettorello regala piatti unici, spesso creati per l’occasione e per la celebrità di turno: “Io sono quello che cucina. E che siano stelle hollywoodiane o semplici avventori, ospiti eccellenti o giornalisti, tutti sono importanti, dal primo all’ultimo”, dice lui.

Tino Vettorello cucina da tutta la vita, con passione. Da quando si divideva tra la vendita di formaggi del padre e le prime esperienze nei ristoranti di San Polo di Piave, sua cittadina natale. Oggi di ristoranti e ‘location’ ne ha diversi, tra punti di ristoro e dimore storiche: su tutti lo splendido Tre Panoce di Conegliano e l’affollatissima Terrazza Biennale proprio davanti al Red Carpet del Palazzo del Cinema.

Leggi tutto l’articolo: https://www.amica.it/

Leggi tutto
Press Venezia 75 | 7 settembre 2018
Li conosce tutti perché è Tino Vettorello che si occupa della cucina alla Terrazza Biennale alla Mostra del Cinema di Venezia. E ad alcuni dei nomi illustri ha dedicato piatti speciali, a seconda dei gusti e del carattere di ognuno. Volete sapere com’è il «Rombo alla Clooney»?
Ormai è una garanzia alla Mostra del Cinema. Lo chef veneto Tino Vettorelloda undici anni accoglie le star di tutto il mondo con i suoi piatti e cocktail curati nel dettaglio. Ha cucinato per le delegazioni di molti film e per le giurie internazionali. Dalla sue cucine sono passati George Clooney, Matt Damon, James Franco, Monica Bellucci, Michelle Pfeiffer, Michael Caine, Madonna e Vasco Rossi. Tanto per citare qualche nome illustre. Per non parlare dei nomi del cinema italiano. In questi giorni Guillermo Del Toro, presidente di giuria della kermesse, è un habitué della Terrazza Biennale, di fronte al casinò.
E Vettorello in questi anni si è divertito a creare dei piatti ad hoc per le star. «Il Rombo alla Clooney è diventato una punta di diamante del menù – ci racconta – tutti lo vogliono. È un piatto semplice come George: su un letto di asparagi di mare adagio il rombo tagliato a cubetti e sfumato con la vodka – a George piace molto la vodka – poi lo affogo nel prosecco per ammorbidirlo. E visto che l’attore è una persona solare ho aggiunto della crema di lamponi».Proprio per l’edizione 75 della Mostra lo chef ha dedicato un piatto a Lady Gaga. «L’ho chiamato Viaggio al Sud – spiega il maestro che ha anche curato la ristorazione alle Olimpiadi di Sochi e Vancouver – ho pensato a una soluzione vegetariana adatta a lei che esprimesse dolcezza e grinta: dei datterini, una burrata affumicata, della cipolla di Tropea caramellata e del pane al carbone con un’aggiunta di acqua marina».E c’è anche l’Orata spericolata in omaggio a Vasco Rossi. «Non ci credeva quando gliel’ho detto – dice Vettorello – Non è stato facile inventare qualcosa per il rocker. Ho creato un piatto che lo rappresentasse sul palco davanti al pubblico: l’orata viene tagliata in una forma estroversa, flambata al whiskey  e posizionata su uno specchio di rucola selvatica come simbolo del prato, mentre un pot-pourri di verdure spadellate rappresentano i fan».
da Vanity fair di Emanuele Bigi
Leggi tutto